Sony Rimane Leader dei Sensori Fotografici nel 2016

sony leader sensori fotografici 2016

Sony ha rilasciato il suo rapporto finanziario annuale per tutto il 2016. La casa giapponese già leader nel mercato dei sensori fotografici per un 40%, si mantiene al comando mondiale. I sensori fotografici continuano ad essere un punto di riferimento importante per Sony, soprattutto grazie agli smartphone. Paradossalmente non si può dire lo stesso del suo proprio smartphone Xperia, le cui vendite sono calate drasticamente.

Avevamo già visto che Sony era leader nel mercato dei sensori un paio d’anni fa. E che aveva deciso di ristrutturare la sua azienda per rimanere in vetta a questo importante segmento mondiale.

Ora, con la pubblicazione del suo rapporto finanziario annuale per il 2016, la casa si conferma in ottimo stato in questo settore.

Sony Leader Sensori Fotografici

Infatti, il segmento dei semiconduttori continua ad aumentare del 40% di anno in anno. E questo aumento è dovuto principalmente all’aumentare della richiesta del mondo degli smartphone. E probabilmente anche quello delle action camera, anche se non viene specificato nel dettaglio. Ma più genericamente indicato come dispositivi Mobile.

calo vendita smartphone sony 2016

Al contrario invece, i suoi smartphone Xperia non sono andati molto bene. E si è visto una decrescita dell’oltre 30% annuale.

Molti si chiedono come questo sia possibile. Avere tra i migliori sensori del mercato, e non riuscire a sfruttarli a pieno nei proprio dispositivi. Ma così è, in fatto di dispositivi Mobile, il brand Sony non riesce a generare il richiamo necessario per creare quel buzz, ed aumentare le vendite.

segmento immagini sony 2016

Lo stesso vale anche per le fotocamere digitali, che decrescono del circa 10%, passando da 1.8 milioni di unità vendute, ad 1.6 milioni.

Da questi valori sembra quindi che il trend Sony rimanga invariato in questo periodo. I sensori fotografici aumentano ma i dispositivi non seguono lo stesso passo.

Un elemento però da tenere in considerazione è anche il fattore terremoto. Che viene di fatto indicato tra le cause del rallentamento della produzioni, ed altre componendi che hanno agito su alcuni numeri.

Ipotesi da Realizzare?

Alcune persone suggeriscono a Sony di dedicarsi solamente alla produzione di sensori fotografici, e di lasciare il mercato dei dispositivi ad altre marche di maggiore successo che riescono a sfruttare meglio i suoi componenti.

Altri indicano il poco attraente design di una serie di dispositivi come fattore di differenza rispetto ad altri marchi.

Ed ancora, il fatto che alcune aziende assumano i migliori ingegneri e professionisti nel settore fotografico per raggiungere i massimi livelli rispetto alla concorrenza. Vedi ad esempio Apple, Samsung, Huawei: in campo smartphone.

I suggerimenti dell’uscita dal mercato dei dispositivi fotografici da parte di Sony è decisamente estrema. La casa riesce a creare dei modelli di ottima qualità, che per alcuni hanno però un prezzo troppo elevato.

rapporto finanziario Sony 2016

In ogni caso, l’azienda giapponese rimane la leader indiscussa nel mondo dei sensori fotografici. Sensori che vediamo sempre più spesso non solo in fotocamere e smartphone, ma in qualsiasi dispositivo che scatti foto o registri video. Il primo riferimento per aziende terze che vogliano produrre un nuovo dispositivo fotografico, tipo ad esempio action camera, o droni, è Sony.

In base a questi dati, la casa giapponese continua la sua ristrutturazione interna. Vediamo se questo trend si confermerà anche nel 2017, e se nuove aziende vorranno farle maggiore competizione nella sua leadership.

Sull’Autore

Davide Roccato

Blogger, scrittore, iPhotographer. Fondatore di Italianeography, appassionato di arte e nuove tecnologie. Puoi seguirmi su facebook, linkedIn ed INSTAGRAM: @davideroccato.

lascia un commento