17 Strategie per Come Aumentare i Seguaci Follower Instagram (2019)

Una delle domande che ricorrono spesso quando si parla di social network, ed in questo caso Instagram, è quella di come farsi seguire, di come aumentare i follower Instagram, cosa bisogna fare o quali sono i trucchi.

Vediamo se riesco ad aiutarti con qualche strumento sincero in più rispetto a ciò che hai già letto, in modo da chiarire alcuni meccanismi e magari agevolarti il compito, oppure no!

Innanzitutto, userò maggiormente la parola follower, poiché la traduzione equivalente seguaci mi da più l’idea di una setta piuttosto che di un semplice social network di fotografie.

Strategie per Aumentare i Follower Instagram Gratis

Ogni social funziona in modo diverso, lo avrai già compreso, e di sicuro troverai in rete tanti esperti che ti suggeriranno tante strategia diverse, a seconda se le hanno veramente sperimentate, o se le hanno prese pari pari da strategie altrui che magari niente hanno a che vedere con il tuo caso e con la tua esperienza.

Ho aperto anch’io un profilo Instagram, sia per testare la piattaforma che per condividere delle foto.

Non essendo però un maniaco dei social, una volta capito come funzionano, ho deciso di non dedicarci troppo tempo per aumentarne i numeri.

Ma questo non vuol dire che tu non lo debba fare, dipende dai tuoi obiettivi, priorità, e tempo che hai a disposizione.

Vediamo però, appunto, alcune cose che dovresti considerare.

come aumentare seguaci follower instagram

1) Vincere la mania dei numeri

Purtroppo siamo tutti preda dei numeri in questi anni. Più follower, più like alle foto, più commenti alle foto, e così via.

Se questo non accade entriamo in un regime di frustrazione ed agiamo un po’ da schizofrenici alla ricerca di qualche strumento per aumentare dei numeri che ci diano l’illusione della popolarità.

Poco tempo fa ho guardato il video “Painting in the Dark” su Vincent Van Gogh di Adam WestBrook.

Per ben 10 anni, questa persona, artista, ma pur sempre essere umano come tutti noi, ha dipinto la sua arte senza che nessuno lo considerasse, e dove il suo unico follower era suo fratello, il quale per tanto tempo ha provato a vendere le sue opere senza successo.

Questo non solo non ha scoraggiato Van Gogh nell’esprimere se stesso, ma l’ha portato a fare sempre meglio.

Saresti in grado di condividere la tua vita in un social network con 1 solo follower per 10 anni? Probabilmente no e neanche io.

Di personaggi così ce ne sono pochi.

Quando dopo tutto questo tempo suo fratello finalmente riesce a vendere la sua prima opera, si aspettava una reazione di gioia da parte di Van Gogh.

Chissà se nell’era di oggi l’avrebbe filmato per metterlo su YouTube per far vedere al mondo la sua reazione, come alcuni genitori filmano i figli a Natale quando spacchettano i regali per riprendere la loro sorpresa.

Più grande e plateale è la reazione, più sono soddisfatti pubblicandola nel social, sperando che diventi virale e conquisti attenzione e commenti.

Beh, come avrai capito, la reazione di Van Gogh fu tutt’altro, e molto più sobria e profonda.

Per cui, se hai la pazienza di crescere con calma ma con costanza e dedizione, i risultati che otterrai saranno più consistenti e gratificanti.

2) Comprendi la tua Voce su Instagram

Con l’avvento della fotografia Mobile, soprattutto iPhoneography all’inizio, per poi espandersi a tutti gli altri dispositivi, sono aumentati coloro che si ergono a giudici spirituali, indicando cosa bisognerebbe e cosa non bisognerebbe postare, che cosa sia fotografia e che cosa non lo sia.

aumentare follower instagram

Solo tu puoi costruire la tua voce

Se hai il dubbio su cosa postare o cosa non postare, e se pensi che io o qualcun altro abbia la soluzione pronta per te, allora ti do subito la mia formula magica: hai il diritto di fare tutte le fotografie che vuoi, come vuoi e postare cosa vuoi della tua vita, pur restando dentro le regole del social network stesso che non mi appartengono.

Hai la possibilità di usare Instagram come spazio Pubblico, oppure come spazio Privato, come spiegato in questa guida Instagram; a te la scelta di preferenza ed il materiale che vuoi condividere.

Instagram è un social network prettamente fotografico, ora espanso anche all’espressione video, storie, e che magari in futuro si evolverà ancora.

E’ uno strumento che tu puoi usare per esprimere la tua vita, la tua fotografia, la tua arte, o quello che ti passa per la mente.

Non siamo tutti fotografi, o artisti, o designer, o ricchi, famosi o professionisti.

La tua vita è tua, e per quanto ti possa sembrare strano che io te lo dica, hai il diritto di esprimerla come vuoi.

Se riesci a trovare una tua voce che in qualche modo ti distingue, è meglio, e ti facilita un po’ il compito nei suggerimenti successivi che ti darò, altrimenti non importa, la troverai mano a mano.

Se sei un fotografo, un artista, o lavori nel mondo del marketing, della moda e del design, probabilmente avrai già uno stile, o saprai cosa postare e come farlo, e va bene così.

Ma Instagram è un social network fotografico di persone, e le persone hanno tante vite diverse e tante storie da raccontare.

Per cui, se non sai cosa postare perché la tua vita è deprimente nel momento che leggi queste parole, ebbene, condividi la tua depressione.

O condividi i tuoi selfie, o condividi lo spazio in cui vivi, il modo in cui studi, la città in cui cammini, lo sport che fai, la musica che ascolti, o ciò che ti piacerebbe essere, o ciò che ti piace in particolare modo.

Prendi il tuo telefono, o macchina fotografica se ne hai anche una, è scatta foto che riguardano la tua vita e che esprimono la tua voce del momento, e che vivi adesso.

Ora che sai che puoi e che è molto più interessante esprimere la tua voce, vediamo come puoi connetterti con qualcuno che vorrebbe ascoltare ciò che hai da dire, e ciò che sei.

3) Rendersi Visibili su Instagram. Primi passi

Una delle prime regole fondamentali e semplici da comprendere è quella che se nessuno sa che esisti difficilmente potranno seguirti, giusto?

Bisogna quindi farsi conoscere, far si che il proprio profilo venga visto, e dopo che è stato visto, far sì che venga seguito.

I primi consigli base che puoi trovare ovunque, ti indicano giustamente di inserire il tuo indirizzo instagram nei tuoi biglietti da visita, o blog, o dirlo agli amici, aggiungerlo alla firma delle email ed in qualsiasi altro luogo tu possa utilizzare per farti conoscere.

Se i tuoi amici non sanno che hai un profilo Instagram che vuoi far crescere è una potenzialità persa che invece puoi usare a tuo vantaggio, se vuoi. Ma non è obbligatorio!

Vediamo se riesco a darti qualche altro elemento che magari non avevi considerato in questo modo.

4) Mettere Like agli Hashtag Mirati

Quando pubblichi una foto, sicuramente inserirai degli hashtag, ed in questo articolo puoi leggere alcuni consigli ed indicazioni sugli hashtags da usare o non usare durante la pubblicazione delle immagini.

Ma in questo caso voglio parlarti di qualcosa di più mirato e dedicato, che magari non avevi ancora considerato.

Per farsi conoscere, una tecnica base e conosciuta è quella di cliccare mi piace a tante foto di altre persone, in modo da sperare che alcune di esse vengano a vedere il tuo profilo e clicchino mi piace alle tue foto; e se interessati, ti seguano anche.

Hai mai pensato di cercare persone con interessi simili usando gli hashtag?

Una delle domande che potresti chiederti è: a chi può piacere ciò che faccio?

fotografia uomo aumentare seguaci instagram

Questa foto potrebbe piacere a persone che amano il bianco e nero, i forti contrasti, la solitudine, la street photography

Mettiamola così. Se pubblichi una foto in bianco e nero, può darsi che altre persone che hanno pubblicato una foto in bianco e nero possano essere interessate anche alla tua, giusto?

A questo punto, vai su Instagram, vai sulla ricerca per tag, ed inserisci parole come #biancoenero #blackandwhite #blancoynegro e simili.

Guardati le persone che hanno pubblicato foto in bianco e nero in Italia, Spagna, nel mondo, o dove preferisci.

Clicca mi piace a tutte le foto che ti ispirano di più, o che ti attraggono particolarmente.

In percentuale, se il tuo target è un target giusto e mirato, avrai sicuramente dei risultati.

La prima cosa che otterrai è quella di ricevere dei like alla foto in bianco e nero che hai pubblicato tu.

E se poi il tuo profilo è nello stile che piace a quella persona lì, la probabilità che ti seguirà diventerà più alta.

Un altro esempio: hai pubblicato una foto del carnevale della tua città e vuoi farla conoscere?

Prova a cercare tag #carnevale #nometuacittà #igerstuacittà e #carnival. A chi può piacere il carnevale? Magari ai brasiliani? Allora cerca anche sui tag come #brazil o #riodejaneiro.

Hai pubblicato un selfie e vuoi farlo conoscere? Prova a cercare tag di altre persone che pubblicano selfies o che possono essere affini alla tua foto o immagine, e fatti conoscere a chi davvero può essere interessato a te.

Chissà se queste ultime usano queste stesse migliori app per scattare selfie perfetti. Credo proprio di si!

fotografia instagram aumentare seguaci

Questa foto può piacere a chi ama i paesaggi, le texture, le case, gli alberi, i dipinti.

5) Devo cliccare tutte le foto?

Un’altra cosa che vedo spesso fare è chi meccanicamente clicca a tutte quante le foto di uno specifico tag o gruppo e poi viene bloccato temporaneamente dalla stessa Instagram per dei tempi più o meno lunghi.

Questo è ad esempio uno dei motivi perché poi i tuoi hashtag non funzionano più su Instagram.

Come ben sai, ci sono dei limiti di like che puoi mettere nello spazio tempo di 1 ora, ed altri limiti che Instagram ha messo per ridurre lo spam.

In questo articolo puoi vedere alcune delle restrizioni che Instagram ha imposto ed alcuni motivi per cui dei profili Instagram venivano bannati agli inizi dello spam, e questi parametri cambiano in continuazione anche senza preavviso.

Quello che tu puoi imparare, è di diventare più efficace, e non un robot compulsivo che impazzisce a cliccare like da tutte le parti.

Le strategie che ti ho consigliato fino ad adesso vanno proprio in questa direzione, così come le strategie seguenti.

Persone e non gruppi. Ad esempio, se stai cliccando tante foto con lo scopo di far vedere il tuo profilo, e non necessariamente per cercare foto che ti piacciono, puoi saltare le foto pubblicate da profili che non sembrano persone fisiche (lefotopiùbelledelmondo, turismoaustralia, postidelmondodavisitare…).

Quando scorri le foto dai un colpo d’occhio al numero di mi piace già ricevuti, ed al nome di chi le ha pubblicate.

E’ difficile che un’azienda, un gruppo o un comune, siano interessati a sapere chi ha cliccato mi piace alla loro foto, guardare il tuo profilo, cliccare mi piace alla tua foto, e poi seguirti. Diciamo che può succedere, ma statisticamente è meno probabile rispetto ad una persona fisica. Stessa cosa vale per le persone famose.

Scegli persone come te. Se ti concentri su persone fisiche simili a te, le probabilità possono essere potenzialmente più elevate, ed il tuo lavoro diventa per lo meno più produttivo, nello stesso spazio di tempo utilizzato per questa operazione.

Foto meno popolari. Allo stesso modo, mentre scorri le foto, potresti evitare quelle che hanno già ricevuto centinaia di like rispetto a chi non ne ha ricevuto quasi nessuno, e gli farai anche un piacere che sarà molto apprezzato.

Non essere rigidi. Queste regole sono solo indicazioni di maggiore produttività, ma se una foto ti piace ed ha già centinaia di like, ed è pubblicata da un gruppo, niente ti impedisce di apprezzarla e dargli un mi piace, lo faccio molto spesso anch’io; ma per lo meno sai che in quel caso è un mi piace per l’immagine in sé e con poca probabilità di avere un ritorno al tuo profilo.

Ricapitolando. Ritornando al punto precedente, se hai pubblicato una foto in bianco e nero, e cerchi il tag tra tutte le foto appena pubblicate in bianco e nero, e clicchi mi piace su una serie di quelle foto, a persone fisiche e che hanno ricevuto meno mi piace, e che rientrano comunque nei tuoi possibili interessi, la percentuale di risultato sarà sicuramente più alta, ed il tuo tempo sarà più efficace, con meno rischio di farti bloccare il profilo per eccessivo numero di mi piace cliccati in poco tempo, e maggiore soddisfazione.

6) Mettere Like a Città e Paesi

Una delle alternative a cliccare sugli hashtag è quella di considerare la localizzazione.

Si, è vero, puoi cercare l’hashtag della tua città #tuacittà, o quella delle varie community locali su Instagram, e cercare di farti conoscere sul territorio in questo modo, ma la localizzazione funziona in modo diverso.

Vai quindi nella pagina della ricerca di Instagram, e cerca per luoghi la città che può interessarti.

Certo, ti viene immediato pensare di cercare la tua città per vedere di interagire con persone che tutto sommato vivono attorno a te, e questo è senz’altro un modo intelligente di usare il social network, che di fatto, dovrebbe avere una valenza social, e quindi di interazione anche al di là dell’aspetto virtuale stesso.

Strategia alternativa. Ma un’altra ipotesi potrebbe essere quella di sviluppare un atteggiamento alternativo. Ad esempio, a seconda del tipo di fotografie che posti, in quale paese o città del mondo potrebbero potenzialmente esserne interessati?

Localizzazione e non hashtag. La differenza di cercare per localizzazione piuttosto che per hashtag è che chi posta una foto localizzata non necessariamente scrive gli hashtag nei commenti, quindi non è reperibile nello stesso modo rispetto a chi scrive anche gli hashtag nelle proprie foto, ed ha quindi un bacino d’utenza diversa.

Alcune di queste foto vengono pubblicate senza nessun hashtag, e da persone che hanno magari un ristretto gruppo di amici. Un mi piace da qualcuno di diverso potrebbe incuriosirle.

Il made in Italy. Ad esempio, se nel tuo profilo c’è la bandierina italiana, come a volte ho inserito nel mio profilo Instagram, può darsi che alcuni paesi del mondo siano più propensi di altri a seguirti, vero?

Non c’è niente di male a sapere che non possiamo piacere a tutti, anzi, lo giriamo a nostro vantaggio, e ci concentriamo su chi ipotizziamo possa essere interessato anche a noi in qualità di paese.

fotografia paesaggio Torino

Foto del fiume Po’ a Torino

Usare la tua città come attraente. Oppure se abiti in qualche città particolare, e pubblichi foto della tua città spesso, può darsi che le persone che abitano in alcune altre città o paesi del mondo, possano essere più interessati a seguirti di altri.

Sperimentando in questo senso potresti avere molti più risultati rispetto ad andare completamente a caso.

E non vale solo per grandi e conosciute città turistiche come Roma, Firenze, Torino o Venezia.

Ricapitolando. Così come nell’esempio in precedenza, se sei magari a Viareggio e scatti foto durante il carnevale, può darsi che l’interesse degli abitanti di Rio de Janeiro in Brasile sia più alto degli abitanti di Miami in Florida. A questo punto cerca la località Rio de Janeiro e clicca mi piace a molte delle foto pubblicate in quel momento. Statisticamente, tra tutti quelli che visiteranno il tuo profilo subito dopo, la potenzialità di avere mi piace e di follower in ritorno sarà sicuramente più elevata che in altre circostanze.

Il risultato. Tutto sommato, agendo in questo modo, non stai facendo altro che far vedere le tue foto a chi realmente può essere interessato, ed in ritorno non avrai finti numeri ma reali persone che apprezzano quello che fai, o ciò che sei.

7) Commentare alle Foto altrui

Una delle frasi che leggo spesso è che bisogna commentare alle foto per farsi seguire, e vorrei sfatare un mito: no! Non è così, non in senso così generico e piatto.

Infatti poi leggo delle contro-risposte di persone che giustamente si sentono delle sciocche a scrivere commenti a foto a cui non gli interessa nulla.

Ed infatti, il mio suggerimento è: non farlo!

Per quanto riguarda i commenti direi che, visto che devi spendere più tempo per scriverli, dedicati a cosa veramente ti piace. Quando guardi tante foto ce ne sono sicuramente alcune che attirano la tua attenzione più di altre, per assoluta soggettività personale.

Una foto non è bella di per sé, semplicemente ti piace per i più svariati motivi, magari può essere vicina al tuo stile, oppure è un selfie casuale di un persona che attrae la tua attenzione, o è una strada di una città che vorresti visitare.

Scrivi un commento quando ne vale veramente la pena, e se possibile e ne hai voglia, scrivi qualcosa di più che una semplice faccina o emoticon con il pollice alzato.

Se i tuoi commenti sono sinceri, ed hanno senso, è molto probabile che la persona che riceve il tuo commento venga a visitare il tuo profilo.

Ma questo non vuol assolutamente dire che ti seguirà, ed è giusto che sia così.

Il tuo commento non deve essere per farti seguire, deve essere per esprimere le tue reali emozioni e pensieri all’immagine che hai visto, alla persona che l’ha scattata, e magari alle parole che ha scritto. E nient’altro.

Quindi, interagisci ed esprimi la tua gratitudine o curiosità di cosa vedi nel mondo con qualche commento ogni tanto.

Sii social, e crea connessioni con il mondo, possibilmente in modo positivo.

Già che scrivi qualcosa agli altri che non conosci, concentrati su ciò che ti piace di più.

street photography bianco e nero

Meglio pochi commenti ma fatti bene, ti daranno più soddisfazione.

8) Mandare Messaggi Diretti

Da quando Instagram ha introdotto la possibilità di mandare dei messaggi diretti tra utenti, si sono create nuove opportunità di comunicazione.

In percentuale, il messaggio diretto è ancora più raro dei commenti, ma è un ottimo modo per esprimere qualcosa di più.

Magari hai guardato il profilo di quell’artista e ti piace particolarmente, oppure vuoi sapere qualcosa di più sulla città in cui vive, oppure su una tecnica usata per fare una determinata foto.

O magari quella persona scrive in un modo particolare, abita in una città che vorresti visitare, ha le tue stesse idee, o magari semplicemente ti ispira.

Se i messaggi sono onesti e sinceri, ricevono sempre un ottimo riscontro, ed è un buon modo per connettersi con persone di tutto il mondo.

Un follower guadagnato in tal senso ha sicuramente un valore aggiunto rispetto a centinaia di sconosciuti, ma anche in questo caso, questo non è lo scopo del messaggio diretto, così come per i commenti.

Soprattutto non abusare, e tieni in considerazione che i profili più visitati possono ricevere molti messaggi, per cui se non è veramente qualcosa di personale e che da un valore aggiunto alla tua interazione, non scrivere.

9) Il Farsi Seguire. Il Profilo

Come abbiamo visto in precedenza, la prima componente fondamentale per ricevere dei follower è quella di rendersi visibili, di far sapere che esistiamo là fuori, e di connetterci con persone a cui possa interessare il nostro profilo.

Ma, proprio per questo motivo, una volta che visiteranno il tuo profilo dovranno trovare in esso qualcosa che lì motivi a seguirti, e che possibilmente non sia uno sterile #follow4follow o #followback!

Scrivere un minimo di presentazione, anche se con poche parole, può essere un motivo in più per dire qualcosa di te che ti rappresenta in quel momento, e che vorresti comunicare a chi lo legge.

Alcune persone potrebbero guardare soltanto le tue foto, e scorrere tra di esse, ma la maggior parte di esse guarderà anche quella breve presentazione di te, e dopo, a seconda di quello che legge, potrà anche riguardare le tue foto per cercare altri indizi della tua personalità.

Comunicare qualcosa e generare un coerenza con quello che posterai saranno fattori chiave per aumentare i tuoi seguaci, o appunto, follower.

10) Cambiare il tuo profilo: A/B test

Come abbiamo visto prima, un minimo di presentazione è importante.  Si, lo so, è effettivamente troppo breve per farci stare qualcosa di significativo ma è pur sempre qualcosa da utilizzare a nostro vantaggio.

Ciò che magari non hai pensato è che puoi cambiarla per testare come diverse frasi possano cambiare la percezione di chi ti visita.

Se fai le stesse azioni menzionate sopra per lo spazio di una settimana, e poi cambi la tua presentazione, e fai le stesse azioni nella settimana successiva, potrai notare delle differenze.

Certo, ci sarà un leggero margine d’errore, ma non vogliamo fare qui troppo i sofisticati.

In poche parole, è come fare un A/B test, il che vuol dire, facendo le stesse azioni, cambiare la presentazione del profilo per vedere se la versione A è migliore della versione B. Ed una volta scelta una versione, cambiarla nuovamente per vedere se quella successiva è migliore della precedente, fino a trovare un equilibrio che ti soddisfi veramente.

L’idea a cui magari non avevi pensato, è che ciò che scrivi può impattare o meno nella decisione di seguirti oppure no da chi sta visitando il tuo profilo.

Personalmente ho visto che può fare la differenza, ed ho cambiato più volte la frase di presentazione nel mio profilo instagram quando stavo facendo i test iniziali.

La differenza nel numero di follower è a volte stata sostanziale da indurmi a considerarla come strategia efficace per te.

D’altronde, io stesso, quando visito il profilo di alcune persone, leggo la loro breve presentazione, ed alcune sono molto divertenti, decisamente migliori delle mie, e possono essere potenzialmente efficaci per i loro visitatori.

Ci avevi pensato? Bene, ora fai qualche test e sperimentazione per affinare la tua tecnica.

11) Creare uno Stile del tuo Profilo

Sicuramente chi gravita attorno al mondo della fotografia, arte, design o marketing, saprà che il crearsi uno stile può avere i suoi vantaggi e svantaggi quando ci si presenta al mondo.

Personalmente non ho uno stile preciso ed unico, poiché mi piace fare più cose e quindi presentare più stili insieme.

Però a me non interessa aumentare il numero degli iscritto ed uso il social giusto a livello sperimentale e di conoscenza.

Se tu invece riesci a scoprire qual’è il tuo obiettivo principale per l’uso del social network, potrai anche pubblicare foto e pensieri di te con una certa logica che magari prima non avevi considerato, e lo stile verrà poi fuori da sé.

fotografia bianco nero seguaci instagram

A volte uno stile definito può attrarre di più

Se non sai cosa pubblicare, puoi ad esempio pensare di raccontare la tua città, oppure raccontare la tua storia e personalità, od i tuoi viaggi, o la passione per qualche cosa in particolare che potrebbe aiutarti a connetterti nel mondo con persone che condividono passioni simili. Ci sono tante varianti che puoi considerare.

Un obiettivo del tuo profilo Instagram può aiutarti molto anche nelle azioni precedenti.

E se non sai cosa fare ed hai uno stato d’animo non tanto amichevole? Beh, il solo fatto di voler creare uno profilo in un social network di foto e brevi video, vuol dire che vuoi comunicare qualcosa con qualcuno, e connetterti con il mondo e con chi possa capire cosa stai provando.

Quindi, condividi i tuoi stati d’animo ed il tuo universo, e cresci con pazienza. Ogni voce ha sempre chi la vuole ascoltare e riuscirà sempre a trovare il modo di distinguersi.

12) Seleziona quello che posti su Instagram

Una delle tendenze di chi ha un profilo agli inizi, ma in realtà anche di altri più navigati, è quella di postare troppe immagini.

Chi ti segue non ha voglia di vedere una marea di immagini dal tuo profilo ogni giorno.

D’altronde, prova a seguire anche solo 10 persone che postano 5 foto al giorno, sono già 50 foto al giorno da vedere, immagina quando i numeri aumentano. Hai fatto i conti?

Bene, chi visita il tuo profilo potrebbe anche guardare quanto posti ogni giorno, e se vede che lo fai troppo spesso, potrebbe decidere di non seguirti. A parte ovviamente i classici #follow4follow, o #followback, ma non è di questo che parliamo giusto?

Quante foto postare? Personalmente preferisco postare 1 foto al giorno, raramente 2, ma non andrei oltre le 3 foto al giorno; e per chi posta 3 foto al giorno, non posterei tutti i giorni.

fotografia artistica metropolitana torino

La metropolitana di Torino. Una sola foto selezionata di questo tipo.

Il saper selezionare è un’arte, e distingue chi ha qualcosa da dire dal postare in modo compulsivo.

Posta meno ma seleziona la qualità di quello che posti, ed il resto del tempo usalo per connetterti con chi ti circonda. In poche parole, dai e ricevi: un giusto equilibrio dovrebbe portarti a crescere lentamente ma con stabilità.

Saper selezionare è anche difficile. Ad esempio, se vai in una piazza e vuoi pubblicare le foto di quella piazza, ne basta una e non 10.

Scegli quella più rappresentativa poiché il soggetto ormai lo hai evidenziato, e dedicati a qualcos’altro.

Le ripetizioni sono noiose e se chi ti guarda vede che posti qualsiasi cosa ti passa per la testa, ti darà meno valore rispetto a vedere immagini diverse e meno ripetitive, anche se fossero di casa tua, o delle vacanze al mare.

Selfie? Ti piacciono i selfie e sei all’interno di questa droga collettiva, ed il tuo profilo è praticamente quasi solo selfie? Parliamone.

Se sei una ragazza prova a cambiare trucco, acconciatura, vestiti, e magari ambientazione, con angolazioni e sfondi diversi, luoghi diversi, e tecniche diverse come foto colorate, in bianco e nero, di giorno e di sera.

Ogni tanto metti anche qualche foto a corpo intero e a mezzo busto.

Insomma, prova a dare una varietà al tuo profilo, un’armonia che non sia ripetitiva e meccanica, a meno di non voler fare un progetto artistico dello stesso identico selfie tutti i giorni per chissà quanto tempo.

Ma sono cose già fatte e rifatte. Se vuoi esprimere come sei in questo modo, prova a dargli qualche variazione, e magari usa altre applicazioni, come alcune di queste applicazion del cellulare per scattare selfie perfetti.

13) Postare poco ma costante

Come detto in precedenza, postare tanto può essere più controproducente che efficace, soprattutto all’inizio. La qualità è sempre prioritaria verso la quantità, ma questo non a semplice giudizio degli altri, che ci importa poco, ma soprattutto per te.

Uno dei progetti che molte persone fanno, e che anch’io ho fatto per due anni è il #365project. Ossia postare una foto al giorno per 365 giorni.

In questo modo ti puoi dare un ritmo costante ma abbastanza gestibile nel tempo, non saturi il tuo profilo, e lo costruisci un po’ alla volta.

La costanza potrebbe influire nella decisione di seguire il tuo profilo dai visitatori, ma soprattutto aiuta te a migliorare il modo in cui posti e ciò che vuoi esprimere su Instagram.

Se cominci il tuo progetto dei 365 giorni, inizierai la tua prima foto con Day 1/365, il giorno successivo Day 2/365 e così in progressione. Puoi anche scriverlo in italiano od in qualsiasi lingua tu preferisca, ma non ti limitare a scrivere solo il numero, esprimi qualcosa di più di ciò che condividi.

D’altronde, se io come visitatore percepisco che tu hai fretta e poni poca attenzione in ciò che fai, perché dovrei porne io per te?

14) Scrivere un commento alla foto

Dopo che abbiamo visto come renderci visibili, crearci un nostro obiettivo o stile, selezionare ciò che postiamo, farlo in modo costante e magari anche darci un ritmo, sarebbe interessante integrare commento e foto insieme.

Alcune persone postano e basta come delle macchinette, e va benissimo, ognuno è libero di scegliere la sua strategia come meglio preferisce, ma io ti suggerisco di commentare la tua foto e di considerare il commento come parte integrante di essa.

fotografia animale ritratto

Hey! Ciao. Arrivo subito, finisco di mangiare e sono pronta.

Non tutti sono fotografi od artisti, e probabilmente tu che stai leggendo in questo momento sei anche ai primi passi con il social network e lo vuoi usare solo per divertirti, o per passare il tempo, o per raccontare qualcosa di te che ancora non hai ben chiaro.

Ottimo, usa i commenti con lo stesso stile con cui selezioni le tue foto, e con l’obiettivo del tuo profilo Instagram.

Puoi spiegare cosa ti piace di quella foto, cosa vuoi stimolare in chi la legge, quali sono i tuoi pensieri della giornata, in che crisi stai vivendo, il perché hai usato quello stile o quell’app. Qualsiasi sia il motivo, comunica qualche cosa in più.

Poi come abbiamo visto, siccome cercherai di connetterti con persone affini alle tue immagini e profilo, potresti anche cercare di connetterti con persone affini ai tuoi commenti.

Ad esempio, se scrivi in inglese, ci sono tag come #deepthoughts od altri, che esprimono magari l’idea di un commento più profondo rispetto alla media. Oppure tag dedicati a chi scrive poesie, o chi fa storytelling, e molto altro ancora, hai capito cosa voglio dire.

15) Non usare foto non tue senza scriverlo

Molte persone che pensano di non saper scattare foto, oppure non hanno la più pallida idea di cosa postare, prendono e copiano foto altrui che potrebbero essere scambiate per proprie.

Forse non sai che non si può fare, e che la proprietà della foto è sempre di chi la scatta e pubblica nel proprio profilo personale, a meno di altre condizioni che non stiamo qui a specificare nel dettaglio.

Quindi non puoi prendere foto altrui e metterle nel tuo profilo spacciandole per tue. Anche perché dopo un po’ si vede che non ti appartengono, basta un occhio un po’ allenato per vedere che non sei tu a farle.

Almeno, se lo fai, scrivi nei commenti che la foto non è tua ed indica la fonte da dove l’hai presa, e magari scrivi il perché l’hai postata, che cosa ti suscita, che cosa rappresenta per te.

fotografia paesaggio albero

Esprimi la tua voce anche se ci sei solo tu

Sappi che la menzione non basta comunque, se sai che la foto è di qualcuno in particolare gli devi chiedere prima il permesso se puoi pubblicarla nel tuo profilo. Ed ovviamente dando i crediti e taggando la foto nei commenti al profilo di appartenenza.

In linea di massima, evita di farlo, soprattutto senza specificare niente, perché prima o poi qualcuno se ne accorgerà e lo indicherà ad Instagram come violazioni di copyright ed il tuo account potrebbe essere pesantemente sospeso.

Se per lo meno lo scrivi, menzioni, ed indichi chiaramente la provenienza della foto, chi ti segue potrebbe essere più amichevole sapendo la verità, ed apprezzarti per questo.

Prova ad usare una di queste centinaia di applicazioni per provare qualcosa di diverso e magari motivarti a pubblicare qualcosa di tuo più spesso.

16) Analisi, Statistiche, Programmazioni e Bot su Instagram

Questo post non è dedicato a chi usa il profilo Instagram in modo più professionale e sa bene come usare le proprie strategie per crescere in un mondo sempre più complesso a livello mediatico.

Se però vuoi, puoi prendere la strada di analizzare i tuoi progressi per sapere se stai applicando bene le tue strategie, od anche solo per curiosità!

Ci sono molti programmi che permettono di analizzare i dati dell’andamento del tuo account, e puoi leggere qui i migliori programmi per avere le statistiche del tuo profilo Instagram.

Ci sono poi anche programmi che permettono di smettere di seguire automaticamente chi non ti segue più, o vedere chi a smesso di seguirti, e tutte queste cose qui di cui non mi pronuncio neanche poiché esula dallo scopo di questo articolo che va in tutt’altra direzione, come avrai già capito velocemente.

Così come esistono i bot per acquistare follower finti, o finti mi piace, di cui nuovamente non è argomento di questo articolo e che potrei eventualmente trattarlo a parte.

Una cosa è sicura, se decidi di usare applicazioni terze che si connettono in qualsiasi modo al tuo profilo, fai sempre attenzione a cosa fanno e chi sono perché potresti incorrere in password rubate come ho scritto in questo articolo, oppure ad account e profili cancellati per spam od altre situazioni spiacevoli.

17) Ciò che fai su Instagram rimane su Instagram

Il titolo è un po’ una forzatura del proverbio: what happens in the family stays in the family.

Questa logica vale per ogni social network, non usarli tutti nello stesso modo ma distingui ciò che vuoi comunicare e cosa vuoi comunicare su ogni social.

Per cui, se ti costruisci un profilo su Instagram, crei una tua voce ed un tuo stile, usi le tecniche che abbiamo visto per interagire con altre persone nel mondo e cresci lentamente, non pubblicare le stesse foto in tutti i tuoi altri social network, nello stesso momento e nello stesso modo.

Non ripeterti come un clone dappertutto, non è necessario, e chi dovesse guardare anche tutti i tuoi altri social ne rimarrebbe un po’ deluso.

fotografia bianco e nero seguire instagram

E qualche click in più pensano subito che sia troppo faticoso!

La visibilità è importante solo se hai un progetto e vuoi costruire qualche cosa con quel progetto.

Se pubblichi le tue cose dappertutto nello stesso modo, senza dare valore a ciò che fai, e senza interagire con la community di un determinato social, nel modo in cui quella community si aspetterebbe da te, alla lunga raccogli dei risultati poco concreti, rispetto al tempo che gli hai dedicato.

Certo, puoi pubblicare alcune delle foto che inserisci su Instagram anche in altri luoghi, ma magari in un momento diverso, o ad un ritmo diverso, ed esprimendo dei commenti adatti ad ogni social che utilizzi.

Rendi il tuo profilo Instagram unico e dai valore a chi ti segue attraverso questo social.

Strategie su Come Aumentare i Follower Instagram Gratis

Wow, è stata una lunga lettura che probabilmente avrai velocemente scannerizzato con gli occhi per fare prima.

Spero che alcuni suggerimenti che ti ho dato possano permetterti di costruire un profilo Instagram migliore, soprattutto se non sapevi che direzione prendere ed avevi molte domande su questo bizzarro mondo delle interazioni social.

Hai creato un tuo obiettivo? Prendi il tuo profilo Instagram seriamente, oppure tutto sommato è un gioco temporaneo e vale la pena divertirsi?

Tieni anche conto che questa piattaforma cambia e si aggiorna spesso, ed alcune tecniche possono variare e non essere più utili nel futuro.

Insomma, scegli ciò che veramente ti interessa e fallo tuo.

E se qualcosa di questo articolo ti ha ispirato, o ti è stato utile, condividile anche con i tuoi amici, te ne ringrazieranno.