L’intervista. Luca Rossi e la Passione per le Nuvole

foto cellulare iphoneografia italia
Oggi abbiamo il piacere di presentare Luca Rossi, appassionato come noi di fotografia, le cui foto sono spesso presenti nel nostro gruppo Flickr e sono anche state premiate in qualche edizione della collana settimanale “Occhi Italiani”. Conosciamolo meglio e curiosiamo tra le sue passioni e preferenze.

foto cellulari iphone iphoneografia italiana nuvole

Ciao Luca, parlaci un po’ di te, presentati agli amici di Italianeography

Ciao mi chiamo Luca Rossi, ho 46 anni. Attualmente lavoro alla coordinazione dell’attività tecnica in una ditta che installa impianti di sicurezza. Amo molto le arti grafiche e la fotografia. Per una buona parte della mia vita ho avuto a che fare con macchine da stampa, inchiostri, colori e pantone. Ho sempre con me il mio iPhone 4 che uso sopratutto per fotografare e per un sacco di altre cose. Quasi mai per telefonare.

iphoneografia fotografia cellulare campo grano

Da quando è cominciato il tuo approccio con la Fotografia Smartphone? Che cosa utilizzi?

Ho acquistato da un’anno circa un iPhone 4, precedentemente ho avuto altri smartphone ma nessuno mi ha conquistato così per quanto riguarda la fotografia. Quello che mi soddisfa di più è la qualità molto buona della lente e la possibilità attraverso un’infinità di App di ottenere molto velocemente l’immagine così come l’hai pensata. Per un appasionato di fotografia penso sia estrememente utile l’uso dello smartphone in quanto ti costringe a lavorare con l’essenziale quindi molto di più sulla composizione , luce etc. Considero la fotografia con lo smartphone un ramo della fotografia stessa a pieno titolo. Uso principalmente Hipstamatic, Genius, Leme Cam, ToyCamera come camere; poi Snapseed, Pixlromatic +, Simply HDR. Hipstamatic e Snapseed sono quelle che uso di più in assoluto

foto cellulare iphoneografia italia ragazzo

Ho notato che ti piacciono i paesaggi e soprattutto i grandi spazi aperti. E’ un settore in cui ti ritrovi particolarmente?

Si mi piacciono molto. Attualmente sono ossessionato dalle nuvole e dal voler far vedere la bellezza di posti molto semplici. Difatti la maggior parte dei paesaggi che ho fotografato con l’iPhone li ho presi a pochi chilometri da casa o nel tragitto che faccio per andare al lavoro. Sono molto appassionato anche di ritratti e street ai quali mi sono ripromesso di dedicarmi di più prossimamente.

foto smartphone cellulare iphoneografia italia viale

Si, in alcune tue foto che possiamo vedere anche qui, si nota questa tua bella passione anche per le nuvole. Visto che ti piace l’essenziale, che consigli daresti a chi è alle prime armi nella fotografia e si ritrova uno smartphone sempre in tasca?

Sono parecchio restio a dare consigli, però sono sicuro che moltissime persone durante la loro vita hanno fissato nella mente delle immagini che vorrebbero aver tenuto, oppure hanno visto una scena e hanno pensato che gli sarebbe piaciuto fotografarla. Io ho ri-iniziato così. Si perchè quando ero bambino avevo una zia (fotografa di livello professionale e piuttosto conosciuta nella mia zona) che mi ha iniziato spingendomi a fotografare allora con una piccola macchina analogica, portandomi fino ad esporre le mie foto ad una mostra. Lei purtroppo è mancata troppo presto e io un pò alla volta ho abbandonato la passione. Successivamente però ogni volta che vedevo una scena, un volto , un soggetto che catturava la mia attenzione pensavo istantaneamente a come lo avrei fotografato e continuavo a ripropormi di riprendere a fotografare. Lo smartphone è perfetto per questo. Quindi fotografo tutte quelle situazioni che attirano la mia attenzione e tutte quelle foto che avrei voluto fare negli anni passati e che ho lasciato in sospeso. Poi le confronto con i grandi fotografi che mi piacciono per continuare a migliorare e a trovare un mio stile ben definito. Cerco soluzioni e strumenti per realizzare esattamente quello che ho in mente studiando parecchio materiale sopratutto che riguarda la composizione. Alcuni grandissimi fotografi hanno creato capolavori con macchine che erano migliaia di volte meno performanti di uno smartphone quindi il punto iniziale e anche finale siamo sempre noi il resto sono servomeccanismi.

Grazie per averci rilasciato questa bella intervista Luca e siamo certi che con i tuoi studi sulla composizione ci proporrai spesso molte altre fotografie e creazioni interessanti. Se volete anche voi curiosare tra le altre fotografie di Luca Rossi, potete seguirlo nel suo profilo Flickr.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>